Alexander Von Humboldt - Carlo Crucitti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Alexander Von Humboldt

Media > Gallerie pubbliche > modelli
 

  


 

Catanzaro, 28-06-2018
Oggi è il turno per le notizie più dettagliate dell'ALEXANDER VON HUMBOLDT - 1906 (n.13 di 26), il tredicesimo fra i modelli donati al "Museo del Mare" dell'Istituto Tecnico Grimaldi-Pacioli di Catanzaro Lido, in via Sebenico 39.

Nata come nave faro l'Alexander Von Humboldt è una delle imbarcazioni più insoliteche attualmente solcano i mari; il lungo ponte di poppa e le vele colore verde bottiglia sono gli elementi caratteristici che la differenziano da tutti gli altri velieri. Fu varata nel 1906 dai cantieri della Weserwerft di Bremen (l'attuale AG "Weser") con il nome di Reserve Sonderburg e destinata a svolgere il compito di nave faro d'appoggio alla stazione danese di Sonderburg appunto. Svolse questo compito in diverse stazioni, cambiando più volte nome, fino al 1986, anno in cui fu disarmata.
Nel 1988, convertita in brigantino per addestramento velico, l'Alexander Von Humboldt riprese il mare.

Negli anni successivi al primo impego, la nave faro Reserve Sonderburg, svolse il suo compito in altre stazioni, soprattutto nel Mar Baltico, cambiando nome; divenne la Reserve Fehmarnbelt e poi, nel 1920, la Reserve Holtenau.
nel 1945, smise di essere una nave d'appoggio sostituendo in via definitiva la Kiel - affondata dalle bombe degli Alleati - e prendendone il nome. Nel 1959 fu speronata e affondata da una fregata svedese, ma rientrò in servizio, riparata e ammodernata, due anni dopo essere successivamente sostituita, nel 1967, da un faro stabile.
La Kiel riprese a svolgere la funzione di riserva nelle varie stazioni del Mare del Nord fino a stabilirsi per qualche tempo nella stazione di Amurumbank. Nel 1986, sostituita da una boa automatica, fu condotta a Willhelmshaven e disarmata.
Subì un'altra collisione con gravi danni, ma anche questa volta fu riparata e rimorchiata, sotto il nome di Confidentia, fino a Bremerhaven. L'obiettivo

della Sail Training Association tedesca (STAG) era quello di trasformare la nave faro in un brigantino per l'addestramento velico. Fu creata una fondazione specifica, la Deutsche Sftifung Sail Training (DSST) e il porogetto di riconversione fu affidato a Manfred Hovener, i lavori diretti da Zygmunt Choren e i fondi necessarifuroni elargiti in gran parte da Egon Harms, proprietario di barche e della fabbrica di birra Bremen Beck. Il 30 maggio 1988 il Confidentia, riarmato come brigantino di addestramento velico, venne ribattexxato Alexander Von Humboldt, in onore dell'ominimo esploratore e naturalista tedesco (1769-1859). Da allora svolge crociere nel periodo estivo nei mari del Nord e partecipa alle grandi regate storiche. Nel 1992 prese parte alla Grande Regata Colombo e nell'inverno 1998-99 si diresse berso i Caraibi per la celebrazione del duecentesimo anniversario del viaggio che Alexander Von Humboldt compì verso quelle isole. Ogni anno è presente alla regatad'alto bordo Cutty Sark, che annovera tra le presenze tutti i più grandi velieri sopravvisuti al progresso.

 
Alexander von Humboldt - 1906
Da nave faro a “manifesto pubblicitario”, l’Alexander von Humboldt è famosa soprattutto per la particolare colorazione verde bottiglia delle sue vele e per la presenza di un castello di poppa insolitamente lungo.
 
 
 
 

  


 
 
15/07/2018 ore
Aggiornato il: 15/07/2018
Torna ai contenuti | Torna al menu